Fotoprotezione

Una difesa naturale di fronte all’insulto irradiativo è costituita dalla capacità fotoprotettiva naturale della cute: spessore del corneo, livello e intensità della pigmentazione costituzionalmente determinata, e da sistemi messi in moto dalla stessa irradiazione. Questi sistemi endogeni interagenti tra di loro, e che forniscono protezione cellulare, comprendono antiossidanti e  scavenger di radicali liberi, enzimatici e non enzimatici, e heat schok proteins,citochine, citocromo P450, etc. Nella cute sono presenti importanti sistemi, tra i quali: carotenoidi (betacarotene e licopene) e ossicarotenoidi come zeaxantina e luteina, ubichinone (coenzima Q), il sistema lipoico-lipoato, taurina e i sistemi riducenti dei coenzimi piridinici.etc. Fondamentale è la funzione di tocoferolo e ascorbato; e tra gli antiossidanti enzimatici: glutatione-perossidasi, glutatione-reduttasi, catalasi, superossidodismutasi, la cui sintesi richiede ioni selenio, zinco e  rame.

 
La maggior parte dei sistemi naturali di fotoprotezione diviene tuttavia insufficiente dopo intensa e prolungata esposizione UV. I metodi di fotoprotezione sono perciò  diretti a potenziare i sistemi presenti nella cute mediante sostanze introdotte per via sistemica o applicate sulla cute. Un elevato numero di sostanze naturali è capace di attività antiossidante compresi con effetti mediati dalla loro opacità come quencer  dell’ossigeno singoletto, scavenger di radicali liberi e prevenzione della formazione di radicali liberi.
 
La formula di un fotoprotettore ma anche un acceleratore dell'abbronzatura come IMMUNO ELIOS in compresse, per un uso sistemico, arricchita di fattori antiossidanti e probiotici ripristina il sistema di difesa della pelle per un effetto a lunga durata ed un'abbronzatura uniforme. Protezione sicura e affidabile anche in acqua, al contrario dei fotoprotettori in crema ad uso topico da usarsi prima dell'esposizione ma sensibili agli ambienti acquosi. Questo prodotto contiene un sistema di antiossidanti altamente efficace che garantisce una protezione immediata e duratura,  resiste all'acqua e protegge anche la pelle sensibile dei bambini. Come anti-antiossidanti all'interno della formulazione sono presenti:

Licopene - è il più importante carotenoide del pomodoro,  è molto efficiente come quencer dell’ossigeno singoletto. Una dieta ricca di licopene protegge verso l’eritema da UV: diminuzione dell’eritema UV indotto è stato osservata in volontari dopo circa tre mesi di   alimentazione ricca di pomodoro  (Photochem Photobiol Sci. 2006 Feb;5(2):238-42. Epub 2005 Aug 12 -Stahl W, et al; 2004 Aug;3(8):749-52.  -Sies H, Stahl W)
 
Astaxantina – E’stata anche provata una importante capacità fotoprotettiva di questo ossicarotenoide.
 
Coenzima Q – Uno studio sull’uomo ha dimostrato la sua capacità di modificare la MED: ha attività stabilizzante di membrana.
 
Vitamina E – Soltanto alte dosi di vitamina E per via orale possono influenzare la risposta a UVB; e la supplementazione non  sembrebbe avere  effetto proporzionale alla dose. La somministrazione  di alfa-tocoferolo 400UI/die per otto settimane in soggetti sani ha dimostrato biodisponibilità della vitamina: concentrazioni plasmatiche aumentate da 14.0 a 18.2mu/mL,  e concentrazione cutanea da 0. 55 a 1.6.( Non venivano però  registrati con le misure di ossidazione usate effetti sulla sensibilità UV). (Am J Clin Nutr. 2004 Nov;80(5):1270-5. McArdle F,et al).

Associazioni di vitamina E e C – La somministrazione quotidiana di 2 g di vitamina C e 1000 IU di vitamina E, hanno ottenuto dopo otto giorni significativa diminuzione della sensibilità alla radiazione solare. Inoltre  uno studio con somministrazione di vitamina C e vitamina E – in associazione con altri composti fotoprotettivi – ha dimostrato  aumento degli effetti  rispetto a  monoterapia con vit.E. ( J Cosmet Dermatol. 2005 Jan;4(1):4-9.- Eberlein-Konig B, Ring J.). E’ stato anche riscontrato effetto fotoprotettivo sulla cute umana della combinazione di vitamina E, vitamina C, licopene, selenio e proantocianidine. (Skin Pharmacol Appl Skin Physiol. 2002 Sep-Oct;15(5):307-15- Greul AK,et al). o da carotenoidi, tocoferoli, ascorbato, favonoidi e acidi grassi n-3 (Annu Rev Nutr. 2004;24:173-200.Sies H, Stahl W.)   
 
Rame gluconato - cofattore che stimola la sintesi di melanina e accelleratore dell'abbornzatura.

Estratto di romarino - ha la funzione di combattere la perossidazione lipidica delle mebrane cellulari derivante dall'interazione con i radicali liberi.


Quando la cute è irradiata, l’ultravioletto UVB e UVA come è noto provoca la formazione di specie reattive dell’ossigeno, stress ossidativo e formazione di radicali liberi.
 Ne risulta alterazione di proteine e di attività enzimatiche, perossidazione dei lipidi e danni delle membrane cellulari, soppressione della sintesi replicativa del DNA e danni mutageni Inoltre, vi è attivazione di una cascata di mediatori cellulari,( ) con le conseguenti azioni e formazione di acido cis-urocanico che determina immunosoppressione.
 
La cute tuttavia contiene numerosi sistemi di protezione endogeni verso le specie reattive dell’ossigeno e i radicali liberi; sistemi di protezione interagenti tra loro.
Questa capacità fotoprotettiva della cute comprende antiossidanti endogeni non enzimatici ed enzimatici e attività scavengers di radicali liberi,( molecole queste capaci di “sacrificarsi” per eliminare radicali liberi, che vengano a alterare molecole di maggiore importanza per la vitalità cellulare.)
 
Elemento importante è la vitamina E presente nella epidermide, antiossidante fondamentale è l’ascorbato o vitamina C. Fra gli antiossidanti e scavenger dei radicali liberi sono da includere i carotenoidi e gli ossicarotenoidi, il coenzima Q (ubichinone); il glutatione,( presente in notevole quantità nella epidermide), l’acido alfa-glicolico e altri antiossidanti.
 
Gli antiossidanti endogeni enzimatici sono rappresentati dalla superossidodismutasi (SOD), dalla catalasi, dalla GSH perossidasi (glutatione perossidasi), dalla GSH reduttasi. Questi sono capaci di eliminare perossido di idrogeno (l’acqua ossigenata che si forma nello stress ossidativo ed è molto tossica per la cellula) e sono capaci inoltre di proteggere enzimi molto importanti (come la glutatione perossidasi e la superossido dismutasi).
E’ da tenere presente che la sintesi di questi enzimi antiossidanti è strettamente dipendente da alcuni cationi: selenio, zinco e rame.
 
Questo sistema complesso di difesa rappresenta un pool di antiossidanti che controlla gli effetti dell’ultravioletto.

E’ interessante notare anche a questo proposito che la capacità antiossidante è più alta nelle cellule cheratinizzate rispetto agli strati terminali della epidermide.
 
Interessante è che la vitamina E è capace di prevenzione dei danni sulla formazione di collagene indotti dalle specie reattive dell’ossigeno (come è stato dimostrato mediante culture di fibroblasti). Così, il deficit di vitamina E induce aumento di collagene insolubile,(in sperimentazioni però su ratto)per inefficace protezione verso la formazione di perossidi. Pertanto la vitamina E rallenterebbe il danno ossidativo nell’invecchiamento della pelle attraverso protezione del collagene.


 

 

  
 

IMMUNO ELIOS FOTOPROTETTORE SISTEMICO
EUBOS HYALURON REPAIT & PROTECT SPF 20
IMMUNO ELIOS CREMA SOLARE SPF 50+ FILTR...
IMMUNO ELIOS CREMA SOLARE SPF 50+ PER P...
IMMUNO ELIOS CREMA SOLARE SPF 50+ FILTR...
IMMUNO ELIOS CREMA SOLARE GEL TOCCO SECC...
IMMUNO ELIOS CREMA IDRATANTE DOPOSOLE AL...
IMMUNO ELIOS OLIO SOLARE SPF 20 TUTTI I...
IMMUNO ELIOS SPRAY SOLARE SPF 30 TUTTI...
IMMUNO ELIOS SPRAY SOLARE SPF 50+ TUTT...
IMMUNO ELIOS SPRAY SOLARE SPF 50+ SPEC...