Sindromi influenzali

Prodotti per Trattamento

Sindromi influenzali

Le infezioni ricorrenti rappresentano un quadro clinico frequente in età pediatrica con interessamento prevalente a carico delle prime vie aeree.

Questa situazione si manifesta, solitamente, in età prescolare, in coincidenza della prima socializzazione del bambino con l’ingresso alla scuola materna.

Benché si tratti di una patologia benigna destinata ad evolvere favorevolmente verso i 12 anni, essa interferisce notevolmente sulla condizione di benessere del bambino e determina importanti costi medico sociali.

Il quadro delle infezioni respiratorie ricorrenti è costituito da una serie di episodi acuti a carico di un settore definito (orecchio, faringe, tonsille ecc) o di volta in volta rivolto a settori diversi.

Il gruppo di studio d’Immunologia della Società Italiana di Pediatria ha fissato come criteri per definire un bambino affetto da infezioni respiratorie ricorrenti le seguenti condizioni:

  • bambino con più di sei infezioni respiratorie in un anno,
  • bambino con più di una infezione respiratoria alta al mese tra settembre e aprile,
  • bambino con più di tre infezioni basse in un anno.

Differenti studi hanno dimostrato che l’incidenza delle infezioni respiratorie è massima nei primi due anni di vita (fini a 6-7 episodi per anno) diminuendo con la crescita

I quadri clinici di presentazione della malattia possono essere differenti:

  • infezione aspecifica delle prime vie aeree, che si manifesta con febbre, e arrossamento di tutte le mucose delle prime vie respiratorie;
  • faringotonsillite caratterizzata da un interessamento esclusivo dell’istmo delle fauci,e coinvolgimento dei linfonodi satelliti;
  • otite contraddistinta da arrossamento della membrana timpanica;
  • laringite più frequente nel secondo terzo anno di vita;
  • tracheobronchite caratterizzata da tosse;
  • bronchite ostruttiva o bronchite asmatiforme caratterizzata da tosse e difficoltà respiratoria
  • broncopolmonite.

La maggior parte di queste infezioni sono di origine virale (rhinovirus, virus parainfluenzali, virus respiratorio sinciziale).

Le meno frequenti sono di natura batterica (pneumococco, emofilo).

L’attecchimento di virus respiratori è in particolare favorito dall’esposizione a fattori ambientali o genetici i quali permettono il mantenersi di una situazione di infiammazione minima persistente favorendo così l’attecchimento di virus respiratori che a loro volta determinano una vera e propria infezione delle vie aeree.

Fattori favorenti

  • Precoce frequenza della scuola
  • Esposizione al fumo passivo
  • Numero di conviventi elevato
  • Stagionalità
  • Inquinamento ambientale
  • Allergie respiratorie
  • Deficit immunitari

Può essere responsabile un deficit immunitario?

I bambini con infezioni ricorrenti possono essere classificati in tre categorie:

  • bambini sani (80%)
  • bambini allergici (20%)
  • bambini con immunodeficit (molto raramente)

Nel gruppo dei bambini sani con infezioni ricorrenti dell’albero respiratorio la causa è da identificare nell’immaturità del sistema immunitario.

Questa forma di immaturità è a sua volta legata a tre variabili:

  • verginità immunologica,
  • relativa immaturità funzionale di tutto il sistema difensivo dell’organismo,
  • azione depressiva svolta dalle infezioni virali sul sistema immunitario

Sindromi influenzali

VIKINGUM DIFESA